Negozi il 1° Maggio, è già polemica
La Repubblica (04/22/2011)


L´annuncio di Terzi. I sindacati: "Totalmente contrari"
Milano -Negozi chiusi il 25 aprile. Su questo c´è accordo tra commercianti e lavoratori, data anche la coincidenza di due festività in un solo giorno (Pasquetta e festa della Liberazione). Ma come già accaduto lo scorso anno, si prospetta lo scontro sulla data del 1° maggio, festa dei lavoratori, che cade di domenica: «È allo studio una possibile deroga» ha dichiarato Giovanni Terzi, assessore alle Attività produttive e alle Politiche del lavoro - per rispondere alle richieste di apertura provenienti da realtà e associazioni di categoria». Cadono dalle nuvole i sindacati: «Lo scorso novembre al tavolo del lavoro che normalmente stabilisce il calendario per i mesi successivi - spiega Graziella Carneri della Filcams Cgil - tutti parevano d´accordo sulla chiusura nella giornata del primo maggio. Tanto più che la domenica successiva, l´8 maggio, tutti gli esercenti avranno la possibilità di tenere alzate le saracinesche. Non capiamo come mai si rimettano in discussione decisioni già concordate». Di altro avviso l´Unione del Commercio che plaude all´eventuale deroga allo studio in Comune: «Anche nei giorni cosiddetti festivi i cittadini e soprattutto i turisti - dice Simonpaolo Buongiardino, amministratore dell´Unione - apprezzano una città accogliente e vivace, dobbiamo tenerne conto. Capisco la difficoltà a organizzarsi all´ultimo momento, specie per gli esercizi più grandi che necessitano turnazioni dei dipendenti, ma in fondo si offre una possibilità, non è un obbligo».
Lo scorso anno i commercianti ottennero la deroga ma, di fronte all´opposizione dei sindacati, il sindaco Letizia Moratti fece marcia indietro a ridosso del giorno festivo: i negozi dovettero rimanere chiusi, con una decisione presa in extremis. Il Comune, allora, addusse come giustificazione il pericolo di disordini in occasione delle manifestazioni dei centri sociali e delle realtà antagoniste.


FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori

commercio turismo servizi
UFFICIO STAMPA

.........................................